La mia ditta individuale nasce nel 2003  specializzandosi nella realizzazione e nella certificazione di vari  tipi di impianti civili ed industriali usando le più avanzate tecniche 

bandiera-inglese curriculum Vitae

Da circa sei anni mi sono specializzato nella realizzazione di impianti fotovoltaici, frequentando corsi teorici e pratici di specializzazione (Equanet s.r.l.) e ottenendo un’ esperienza nella realizzazione di impianti che variano da una potenza di 3 Kw, fino ad 1 Megawatt,

SERVIZI OFFERTI AZIENDE

Il 6 giugno 2013 l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) con la pubblicazione della delibera 243/2013 ha prescritto l’adeguamento degli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 6 kW, al fine di garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale. Tale delibera modifica la precedente delibera 84/2012/R/eel.          RICHIEDI PREVENTIVO

promozioni

A Z I E N D E

                        P R I V A T I

 

FOTOVOLTAICO :  BOOM DELLE BATTERIE

 Il mondo del fotovoltaico si sta preparando a un boom delle batterie: nel giro di due anni realizzare impianti dotati di storage sarà quasi la norma. Almeno questa è la sensazione diffusa tra gli operatori del settore e riportata da un recente studio di IMS Research. Nonostante il mercato degli accumuli sia al momento quasi inesistente, a causa dei prezzi ancora alti, infatti, circa un terzo degli intervistati è convinto che entro il 2015 installerà batterie in oltre il 40% degli impianti che realizzerà.

 E' comunque sull'accumulo di energia che gli operatori hanno le maggiori aspettative: non si attende altro che i prezzi calino per includere le batterie in una larga fetta di progetti. Ma quanto dovranno calare? Secondo il 60% degli intervistati un impianto fotovoltaico dotato di batterie sarebbe economicamente conveniente anche se costasse dal 10 al 29% in più rispetto allo stesso impianto in versione senza accumulo, mentre per un altro 30% dei rispondenti l'accumulo conviene anche con un sovrapprezzo del sistema di oltre il 30%.

 L'energy storage" sta diventando sempre più importante per i sistemi fotovoltaici e se i fornitori saranno in grado di dare prodotti in linea con le aspettative degli operatori, il mercato dei sistemi di accumulo potrebbe crescere significativamente nei prossimi due anni”, sottolinea Sam Wilkinson, direttore di questo settore di ricerca a IHS.

Un'affermazione che non è certo una novità: il taglio degli incentivi in molti mercati importanti sta spingendo a massimizzare l'autoconsumo. In Italia lo sappiamo bene, dato che mai come con questo quinto conto energia, complice anche l'aspetto fiscale, conviene tenere dietro al contatore quanta più possibile dell'energia prodotta (Fotovoltaico: con il V conto energia conviene autoconsumare e La stangata dell'Irpef sui piccoli impianti fotovoltaici) e che una volta finiti gli incentivi (mancano meno di 100milioni alla soglia dei 6,7 miliardi di spesa che prelude alla fine del conto energia) sarà sempre l'autoconsumo la strada per continuare a fare FV. Chiaro dunque che l'energy storage sia il futuro prossimo!